Giovedì sull’isola con Marco, e questa volta sono intervistato

[English version below, after this post]

Vi presento Marco. È uno studente d’arte da Treviso e sta facendo un semestre a New York al Pratt Institute. L’altro giorno ha preso il traghetto per intervistarmi sulle esperienze degli italiani a New York; farà parte di un documentario a cui sta lavorando. Marco aveva pubblicato una chiamata per interviste su una pagina Facebook chiamata New York Italians; è un luogo in cui i recenti arrivi dall’Italia si scambiano consigli su posti di lavoro, appartamenti e dove uscire.

Ho risposto quand’ero in Italia e, come al solito, me ne sono completamente dimenticato. Così sono rimasto sorpreso quando è apparso un messaggio sul mio iPhone. Un po’ avanti e indietro e abbiamo avuto un appuntamento, se non un posto. All’inizio Marco pensava che avremmo potuto fare un’intervista in videoconferenza, ma sapendo che ero a New York, ha spinto per farlo di persona. Sono piuttosto pigro e diffidente in questi giorni per andare in giro, quindi ho chiesto se sarebbe venuto a Staten Island. Era d’accordo, con mia grande sorpresa. Di solito un invito a venire sull’isola viene accolto con il tipo di reazione che i giovani ragazzi avevano quando hanno ricevuto un invito da “Uncle Sam” per la leva.

L’isola è stata una buona scelta. Quasi il 40 per cento della popolazione di circa mezzo milione è di origine italiana, e ristoranti, panetterie e negozi italiani fiancheggiano le strade di Staten Island. Molti ristoranti, purtroppo, sono naufraghi. Sembra che una cucina centrale da qualche parte produca le stesse voci di menu: “zuppa di clams (vongole)”, bastoncini di mozzarella, penne alla vodka, pollo o vitello con una “francaise” errata. (Riconosco pienamente di essere uno snob gastronomico italiano in questo momento, ma ho 10 anni di esperienza nella critica della ristorazione per sostenere il mio…um, schizzino?)

Per Marco, poi, ho scelto un relativamente nuovo arrivato alla scena per pranzo, Vinum, a poche fermate di treno dal traghetto. È autenticamente italiano, non proprio italo-americano, e di solito abbastanza tranquillo all’ora di pranzo. Vale la pena visitarlo se hai voglia di prendere il traghetto e, insieme all’Enoteca Maria più vicina al traghetto e allo splendido ristorante dello Sri Lanka Lakruwana, forma un triumvirato di ristoranti che possono resistere ai quartieri più illustri.

Se vai a Lakruwana e possiamo ancora mangiare al chiuso, sarai trattato con questo arredamento. Oh, e ottimo cibo dello Sri Lanka.

Marco ci ha usato l’ora di pranzo per conoscerci e sviluppare i temi dell’ intervista. Parlando in una miscela di italiano e inglese, ci siamo raccontati storie su di noi stessi. Essendo un bravo intervistatore, ha ottenuto di più da me che viceversa. Non mi dispiaceva, mi ha aiutato a plasmare qualcosa di cui voglio scrivere nel prossimo futuro. E dopo decenni di interpretazione del suo ruolo e del tentativo di convincere la gente a raccontarmi storie, in realtà è stato divertente stare dall’altra parte. (Foodies, ecco cosa abbiamo avuto: un antipasto condiviso di gamberi e fagioli all’uccelletto, tagliatelle al ragù per lui, gnocchi tricolori per me, Rosso di Montefalco per accompagnarlo.)

Mi sono trovato in un ruolo familiare: la guida turistica. Quando le persone ci visitano in Umbria, di solito diamo loro un orientamento di base. Ne ho fatto una versione statunitense con Marco. Ho guidato lungo Bay Street, che segue la riva orientale di Staten Island, dal traghetto, attraverso alcune città antiche, a Fort Wadsworth sotto il Verrazano-Narrows Bridge.

Spia una città in particolare, Rosebank. Era pesantemente italo-americano fino a un recente afflusso di gentrificatori, e poteva persino vantare che Giuseppe Garibaldi vivesse lì. Garibaldi era fuggito dal precedente tentativo fallito nel 1848 di unificare la penisola e si rifugiò nella casa dell’inventore italiano Antonio Meucci. Quella casa è ora il Museo Garibaldi-Meucci.

Siamo sceso dall’auto a Fort Wadsworth. Per anni è stata una base militare. Ora parte del Gateway National Park, ha una splendida vista sul porto e sul ponte incombente, e ha un sacco di rovine affascinanti, oltre a un campeggio e una spiaggia. Marco ha scattato alcuni video e foto e poi abbiamo dovuto trovare un posto dove fare l’intervista. Il tempo era burrascoso e un controllo del suono ha rivelato che il vento sarebbe stato più forte di qualsiasi gemma che dovessi dire.

Porto di New York, visto da Fort Wadsworth, incluso lo skyline mutante di Manhattan. Non mi piacciono quei grattacieli residenziali sottili e ridicoli.

Ma dove? Mi sono chiesto e dopo un po’ ho deciso di andare al mio birrificio locale preferito, Flagship. Ha una grande stanza, una buona birra e tavoli da picnic ben distanziati. Il barista Mike, incuriosito da quello che stavamo facendo, ha illuminato i punti vicino a noi e ci ha dato birra in casa. Divertentemente, una dei loro prodotti è un Pilsener all’italiana chiamato Birra Locale, destinato a imitare birre italiane come Peroni e Moretti. Lo fa? Marco dice che è più amaro di quelli; gli italiani si stanno solo abituando alle birre luppolate come gli IPA.

Marco si prepara.

Abbiamo parlato per un po’ delle mie famiglie da entrambe le parti e delle diverse sfaccettature della vita negli Stati Uniti. Molti italiani non conoscono i diversi ceppi della diaspora italiana. E in molti modi riecheggiano le divisioni nel paese d’origine, anche se in molti casi più di 100 anni le separano.

Sono ansioso di vedere cosa fa Marco con l’intervista e gli altri con cui ha parlato. È stato all’enclave italiana Arthur Avenue del Bronx e altri, quindi spero che abbia entrambi un quadro completo e un punto di vista. Nel frattempo, ci prepareremo per le vacanze qui, incrociamo le dita che la nuova variante di Omicron Covid-19 non rovina tutte le nostre celebrazioni quest’anno.

One thought on “Giovedì sull’isola con Marco, e questa volta sono intervistato

  1. Pingback: Thursday on the island with Marco, and this time l get to be the interviewee | (Not) A Year (Not) in tuscany

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s